Italiano
Gamereactor
recensioni film
Civil War

Civil War

Abbiamo visto e recensito l'ultimo - e forse ultimo - blockbuster del regista di Ex Machina.

HQ

Un terribile Civil War ha lacerato gli Stati Uniti. I dettagli non sono chiari, a parte il fatto che l'inaspettata alleanza tra California e Texas ha dichiarato guerra a Washington D.C., ma una cosa è chiara al fotografo di guerra Lee Smith: vuole risposte dal controverso presidente degli Stati Uniti (Nick Offerman), un uomo assetato di potere che si è rinchiuso alla Casa Bianca e ha portato alla sanguinosa situazione dell'America. Smith (Kirsten Dunst) è affiancata dal giornalista Joel (Narcos star Wagner Moura), dal giornalista veterano Sammy (Stephen McKinley Henderson) e dalla nuova arrivata Jessie (Cailee Spaeny), una giovane autografa dilettante che è stanca di girarsi i pollici nel sicuro Missouri e decide di seguire le orme del suo idolo Smith.

Civil War è come un moderno Apocalypse Now; È uno sguardo oscuro e tempestivo sulla futilità e la miseria della guerra. Le cause e le conseguenze politiche non sono importanti mentre seguiamo i giornalisti fino al cuore morente di Washington, perché potrebbe essere stato innescato per qualsiasi motivo. Garland evita di schierarsi qui o di dare risposte al pubblico, il che crea un'atmosfera estremamente incerta e insicura per tutto il film. Il lavoro di Garland è quasi documentaristico, mentre esplora la violenza continua che divora ogni stato, ed è agghiacciante il modo in cui le fotografie in bianco e nero dei personaggi attraversano le intense sequenze d'azione per tagliare l'adrenalina.

Dunst è brillante come fotografa segnata dalla guerra, catturando la memoria di tutte le vittime e la miseria che ha mai documentato con il suo obiettivo fotografico. La Dunst si sente incredibilmente reale e credibile nei panni di una spettatrice che per lo più sta sullo sfondo per documentare l'inferno, ma che sente anche ogni piccolo orrore spararle attraverso come proiettili, non importa quanto tenga la testa bassa. Tuttavia, è Spaeny a diventare la vera protagonista del film, gettandosi in una situazione che né lei né lo spettatore capiscono davvero. Tutto quello che capiamo attraverso di lei è che ci deve essere una sorta di logica dietro la crudezza e la brutalità, ma ovviamente non c'è mai.

Civil War
Kirsten Dunst è eccellente nei panni di una fotografa segnata dalla guerra che inizia a interrogarsi sul suo ruolo di spettatrice in un paesaggio politicamente teso.
Annuncio pubblicitario:

Una volta raggiunta Washington D.C. per l'esplosivo finale del film, il film lascia lo spettatore con un devastante senso di vuoto, che è sia buono che cattivo. Non cambia o si sviluppa molto nel corso della storia, che per lo più offre allo spettatore una visione distopica dopo l'altra, e per lo spettatore che si aspettava un po' più di mordente politico, il film potrebbe sembrare un po' deludente. D'altra parte, lo stile narrativo freddamente distaccato funziona davvero, dove Garland, come i giornalisti, non stravolge il significato del Civil War. Come una fotografia, un'immagine vale più di mille parole, e Garland ci riesce. I dialoghi, tuttavia, non sono all'altezza. E' spesso goffo e pigramente consegnato quando si tratta di scaricare l'esposizione sulla situazione mondiale, che spesso diventa poco interessante a lungo termine. Il film dà il meglio di sé quando è silenzioso, freddo e concentrato sulla pace tra le inquadrature assordanti.

Il personaggio della Dunst esprime la speranza che le sue immagini siano una sorta di monito per il pubblico, una finestra futura su una sofferenza che può essere evitata se solo ci fermiamo e risolviamo i problemi prima che sfuggano di mano. Lo stesso si può dire di Civil War in generale, dove la posizione piacevolmente apolitica di Garland evoca una fotografia di una società moderna che potrebbe crollare da un momento all'altro. Dato quello che sta succedendo nel mondo in questo momento, è spesso spaventoso vedere la tristezza di un'America alternativa, specialmente nello stato polarizzato in cui ci troviamo in questo momento. Aiuta anche il fatto che il suono e la fotografia siano realistici e realistici, per ricordare davvero al pubblico che non puoi coprirti le orecchie e chiudere gli occhi allo stesso tempo.

In altre parole, Civil War è un efficace film contro la guerra che riesce ad essere evocativo, distopico e brutale nel suo stile documentaristico. È un thriller di guerra ben congegnato sull'immensa responsabilità del giornalista in un panorama irresponsabile che, come il suo protagonista, ti rimarrà impresso nella mente. Spesso ricorda Children of Men nella sua ambizione, nel suo messaggio e nelle sue scelte musicali altamente memorabili, sarebbe decisamente tragico se questo fosse davvero l'ultimo film di Alex Garland. Almeno può essere felice di aver concluso la sua carriera con la sua bandiera che sventolava alta, una bandiera fatta di polvere da sparo, sangue e fori di proiettile.

HQ
Annuncio pubblicitario:
08 Gamereactor Italia
8 / 10
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

0
Civil War

Civil War

RECENSIONE FILM. Scritto da André Lamartine

Abbiamo visto e recensito l'ultimo - e forse ultimo - blockbuster del regista di Ex Machina.



Caricamento del prossimo contenuto