Gamereactor Italia. Guarda i trailer più recenti dedicati ai videogiochi, ma anche le nostre ultime interviste dalle fiere e dalle convention più importanti del mondo. Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
recensioni
Dying Light 2 Stay Human

Dying Light 2 Stay Human - La Recensione

L'atteso sequel di Techland è finalmente pronto.

HQ

Sono trascorsi sette anni dal lancio del primo capitolo della serie Dying Light di Techland, che è stato ben accolto da pubblico e critica. Devo ammettere che è passato un bel po' da allora e, come tutti quelli del settore sanno, più a lungo i giocatori devono aspettare, più alte diventano le loro aspettative o minore è il loro coinvolgimento. Anche se gli sviluppatori di Dying Light sono riusciti a mantenere vivo l'interesse dei giocatori nel corso degli anni, le voci secondo cui il gioco sarebbe rimasto imbrigliato in uno sviluppo infernale, alimentate anche da una data di lancio più volte posticipata. hanno inasprito l'atteggiamento di molti nei confronti di questo titolo. Una cosa è certa: più dobbiamo aspettare, maggiore è il rischio che il prodotto finito non soddisfi le nostre aspettative.

HQ

Mentre giocavo a Dying Light 2 Stay Human, ho spesso avuto la sensazione che sia stato lanciato con qualche anno di ritardo. Siamo onesti, anche il primo gioco, nonostante il suo brillante sistema di movimento, non è stato un capolavoro in termini di universo o trama. Questi aspetti del gioco avrebbero dovuto essere migliorati nell'iterazione successiva e gli sviluppatori che ci hanno lavorato ci sono sicuramente riusciti, anche se bisogna dire che il livello stabilito dal capitolo precedente non fosse molto alto. Inoltre, uno sforzo per approfondire il conflitto del gioco ed espandere la sua narrativa è stato in gran parte speso per aggiungere i molti elementi presi direttamente dai brutti film di fantascienza. Ha ostacolato in modo significativo la mia capacità di immersione nel mondo di gioco e di credere nel mondo che mi veniva presentato sullo schermo.

Troviamo sempre i classici elementi: esperimenti medici, drammi interpersonali, una trama di vendetta, ma tutte queste cose combinate creano nel migliore dei casi una storia abbastanza mediocre. Devo ammettere che ho riscontrato un paio di battute interessanti che mi sono rimaste impresse per tutto il tempo che ho trascorso giocando. In generale, ritengo che Techland abbia monitorato le mosse Ubisoft in merito al ciclo di gameplay di Dying Light 2 e anche se sono riusciti a implementare il modello di un'azienda rivale, non credo che questa sia la direzione in cui dovrebbe continuare. Stavo per chiedere al mio personaggio principale: "Dani, sei tu?" dopo appena pochi minuti in cui abbiamo iniziato il nostro viaggio. Analogamente all'ultimo protagonista di Ubisoft, Aiden si è mostrato fin dall'inizio uno specialista altamente qualificato praticamente in qualsiasi cosa e anche se possiamo trovare una spiegazione nella storia stessa - dettagli di cui non vi svelerò - è comunque difficile simpatizzare con lui senza provare alcun disagio. Nonostante gli sforzi degli sviluppatori per rendere la storia più appetibile e commovente, gli manca ancora un lato umano, poiché si basa su troppi tropi presi in prestito da altri media. Il protagonista non è mai se stesso, con i propri obiettivi e le proprie motivazioni.

Annuncio pubblicitario:
Dying Light 2 Stay Human

Seguendo ulteriormente le orme di Ubisoft, il gioco di Techland ha perso parte della sua identità lungo il percorso e in molti punti è un sandbox sufficiente, sebbene ancora piuttosto generico, in cui spuntano costantemente attività sparse sulla mappa. Le influenze del gioco sono tanto più evidenti quando dopo aver rilevato i mulini a vento, che in questo gioco svolgono il ruolo di insediamenti, rintracciando lo stesso tipo di animazione che ricorderemo sicuramente da giochi come Far Cry. Dopo un po' di tempo stavo lentamente perdendo la fiducia che in realtà non stavo giocando a un altro titolo Ubisoft. Bug e glitch spesso riscontrati non aiutano certo il divertimento generale del gioco. Gli zombi sono spuntano dal nulla davanti agli occhi del giocatore, i pulsanti di interazione scompaiono apparentemente senza motivo e piccoli oggetti molto spesso mi hanno reso impossibile eseguire una sequenza corretta durante un combattimento. Questi piccoli problemi si sommano tra loro e, purtroppo, devo ammettere che giocare a un gioco più piccolo e più coeso qual era il primo Dying Light è stata sicuramente un'esperienza più fluida.

Tanto più che il prodotto recensito, per quanto comunque piacevole alla vista, non si spinge certo oltre i limiti in termini di prestazioni. Possiamo scegliere tra tre modalità: Risoluzione (4K), Qualità (Ray Tracing) e Prestazioni (60FPS). È già abbastanza spaventoso che, come giocatori, siamo costretti a scegliere tra questi tre, ma anche scegliere le impostazioni più alte non ti lascerà a bocca aperta. Va detto, però, che il mondo in cui ci imbattiamo è diviso in distretti di dimensioni significative, e poiché molto spesso scapperemo in fretta dalle orde di zombi che si lanciano al nostro inseguimento, non abbiamo poi così tanto tempo per ammirare i panorami.

Dying Light 2 Stay HumanDying Light 2 Stay Human
Annuncio pubblicitario:
Dying Light 2 Stay HumanDying Light 2 Stay Human

A proposito, il parkour, proprio come nel caso del primo capitolo della serie, rimane l'aspetto più forte e caratterizzante del gioco. Anche se non iniziamo con la gamma completa di abilità acrobatiche sbloccate, man mano che avanziamo nel gioco ne sblocchiamo sempre di più. Tutto ciò rende sicuramente il sistema di combattimento e l'attraversamento della gigantesca metropoli molto più divertenti. Senza ombra di dubbio, nonostante la mediocre costruzione del mondo, saltare da un tetto all'altro e inanellare le mie mosse in modo impeccabile con attacchi mirati agli zombi in arrivo è stato immensamente soddisfacente. Tuttavia, non è di buon auspicio per il gioco se gli elementi migliori sono solo quelli che sono stati ereditati dall'iterazione precedente e sono solo stati leggermente migliorati. Oltre al parkour, acquisiamo una vasta gamma di armi interessanti, che possiamo modificare a nostro piacimento. Troviamo ricette e progetti per oggetti utilizzabili come kit di pronto soccorso e granate, tutti realizzabili con frammenti raccolti. A questo proposito non è cambiato molto rispetto al primo gioco e non molto doveva davvero. Questi sono tutti solidi pilastri del gameplay ed è bello vedere che Techland ci sta ancora lavorando su.

Cosa sarebbe Dying Light senza le sue scappatelle notturne? Queste ovviamente ritornano, anche se la principale modifica implementata in questa meccanica è a mio avviso un danno. Dopo il tramonto, finché non ci nascondiamo in stanze molto illuminate, abbiamo poco tempo per l'esplorazione notturna della città. Possiamo aumentare il tempo del nostro timer raccogliendo determinati oggetti, quindi non è che dopo i primi cinque minuti ci imbatteremo nella nostra morte immediata; tuttavia la semplice presenza del suddetto timer porta nuova pressione in questa meccanica e dobbiamo agire molto più velocemente quanto non si facesse nel primo gioco. Come per molte diverse decisioni di gioco, anche questa è spiegata nella trama, ma non posso dire di esserne rimasta del tutto convinta. A mio avviso, l'aspetto più forte di Dying Light era questa sensazione di essere intrappolati in ambienti ostili durante la notte, oltre le mura di sicurezza. Qui, nel secondo gioco, ho dovuto attraversare spesso la città di notte, ma raramente è stata una mia scelta. Almeno durante quelle prime ore l'intera faccenda è, onestamente, a volte piuttosto fastidiosa.

Dying Light 2 Stay Human

Scelte. Ma sono davvero così forti? A volte si. Il mondo può cambiare visibilmente a seguito delle tue azioni. E non intendo solo cose su scala macro, visto che le nostre decisioni influenzeranno anche la vita degli NPC intorno a noi. Queste cose lasciano sicuramente un segno più forte nel nostro carattere rispetto all'intera faccenda di salvare il mondo da soli. Ci sono alcune fazioni in giro ed è difficile dire con certezza quali siano buone e quali no. Il sistema di credenze e la bussola morale del giocatore giocheranno un ruolo importante nel determinare la risposta a questa domanda. Ciascuna delle fazioni ha i propri meriti e vuole sopravvivere a modo suo nel mondo brutale che la circonda. Non c'è tempo per le mezze misure quando la morte gira lentamente dietro l'angolo. Nel mondo di Dying Light 2 nulla è facile e gratuito. Mi è piaciuta questa incertezza, queste zone grigie nelle decisioni morali prese dai personaggi in un mondo oscuro, soprattutto perché vediamo tanti altri giochi preferiscono abbracciare approcci bianco o nero per queste cose.

Dying Light 2 Stay Human è un gioco pieno di contraddizioni. Da un lato abbiamo una storia che nella migliore delle ipotesi è sufficiente, eppure brilla dando raramente al giocatore risposte facili alle domande che sorgono. Fornisce al giocatore un eccellente sistema di movimento e combattimento e tuttavia introduce meccaniche che limitano il tempo durante il quale il giocatore può goderselo. Il gioco ci offre un mondo interessante e originale che poi si allunga in modo da poter contenere tutti gli elementi presi da altri titoli. Alla fine, mi sono divertito con il gioco, ma non nel modo in cui mi aspettavo. Spero che Techland in futuro si basi maggiormente su idee proprie, perché se continua sulla strada di Dying Light 2, il rischio è che questa serie rimanga solo un Far Cry con gli zombi.

Dying Light 2 Stay HumanDying Light 2 Stay HumanDying Light 2 Stay Human
HQ
07 Gamereactor Italia
7 / 10
+
Ottimo sistema di movimento; combattimento soddisfacente; solido sistema di crafting; attenzione ai dettagli nelle scelte morali; poche battute decenti, ma memorabili
-
Storia mediocre; un sacco di bug e glitch su piccola scala; mare infinito di missioni secondarie ripetitive; Il gioco soffre di problemi d'identità.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto