Italiano
Gamereactor
recensioni
Indika

Indika

Un viaggio divino con il diavolo come compagno.

HQ

Devi pensare fuori dagli schemi per distinguerti nel mondo dei giochi di oggi, e Odd Meter lo fa sicuramente. Il piccolo studio, precedentemente con sede a Mosca ma ora con sede in Kazakistan (non credo di dover spiegare il motivo di questa mossa), ha realizzato un gioco che mescola dibattiti teologici, tetri paesaggi invernali russi e strani elementi a 8 bit. Non dovrebbe funzionare, ma funziona. Moltissimo.

Siamo da qualche parte in Russia, molto a est e verso la fine del XIX secolo. Terribili sconvolgimenti sono in corso nel grande impero, ma non è di questo che si preoccupa la nostra giovane eroiIndika na, una suora virtuosa e sottomessa in un convento medievale. Non sembra certo l'occupazione più estenuante, e Indika inizialmente fa poco per confutare questa ipotesi. Uno dei tuoi primi compiti è riempire un secchio con l'acqua del pozzo del monastero. Recuperi faticosamente l'acqua dal pozzo e arrancavi nella neve sporca. Non una, non due, ma cinque volte. E qual è la tua ricompensa? Una suora rovescia il secchio e ti inonda di una raffica di insulti sorprendentemente anti-cristiani.

Poi l'atmosfera è impostata. Indika ovviamente vuole insegnarti qualcosa, ma dopo averci giocato, non sono del tutto sicuro di cosa sia esattamente. Questo non è solo perché sono un po' lento nell'apprendimento o mi manca la conoscenza del ramo ortodosso del cristianesimo. No, è più probabile perché mentre i punti iniziali vengono martellati con un gameplay pesante e ripetitivo, la pesante lezione morale viene rapidamente abbandonata a favore di un viaggio su strada divertente, folle e non poco toccante.

Indika
Annuncio pubblicitario:

Dopo l'umiliazione iniziale, Indika ha il compito di consegnare una lettera a un altro monastero a un giorno di viaggio. Non ci sono nemici da sconfiggere lungo la strada, né troverai cibo, calore o altre risorse nonostante il freddo pungente e le umili vesti di Indika. Invece, devi risolvere una serie di enigmi che quasi sempre richiedono di manipolare l'ambiente in un modo o nell'altro. Spesso si riduce a tirare una leva o spingere alcune scatole, cosa che abbiamo già visto migliaia di volte. Ma non importa, perché ogni singola sfida è ben organizzata. Non ci sono aiutanti brillanti o troppo zelanti che, dopo due secondi, praticamente ti consegnano la soluzione. Semplicemente non è necessario.

All'inizio del gioco, sali sul tetto di un edificio fatiscente. C'è una cassaforte rimovibile, quindi logicamente provi a spingerla in un angolo dove sembra che tu possa - a malapena - raggiungere una sporgenza. Il problema è che il tetto instabile si muove con il peso, quindi in realtà finisce per essere più in alto quando hai spostato la cassaforte. Non rivelerò qui la strada specifica da seguire, ma semplicemente notate che il gioco molto spesso vi tenta con una soluzione facile, solo per complicare il puzzle con un colpo di scena interessante che spesso richiede di tenere gli occhi e le orecchie aperti.

Oltre ad essere un buon design del gameplay, questo supporta anche la visione critica del gioco sulla religione dogmatica: le soluzioni semplici non sono la strada da seguire, e il mondo è più complicato di così. Tuttavia, una singola lezione di vita monastica sarà comunque utile al giocatore. È bene conoscere i propri limiti. Indika dimostra di essere un personaggio sorprendentemente pieno di risorse, ed è brava a manipolare le macchine e ad arrampicarsi su piccole altitudini. Ma non è Super Mario. Le sue abilità limitate, combinate con ambienti che non contengono mai molti elementi interagibili, sono un altro motivo per cui il design del gioco funziona. Una volta compresa la premessa del gioco, non si è mai veramente in dubbio su dove cercare una soluzione o in quale direzione muoversi attraverso gli ambienti apparentemente confusi. È un buon design, ma forse si potrebbe desiderare un po' più di originalità in alcuni degli enigmi. In particolare, i segmenti in cui alternativamente sopprimi i tuoi dubbi e permetti loro di esprimerli per cambiare gli ambienti avrebbero potuto essere utilizzati un po' meglio. È visivamente bello, ma penso che Hellblade: Senua's Sacrifice, ad esempio, faccia un uso migliore della psicologia del protagonista per risolvere gli enigmi.

IndikaIndika
Annuncio pubblicitario:

Visivamente, Indika è la definizione di un diamante grezzo. Le texture non sono particolarmente curate e le animazioni sono leggermente rigide e goffe. Non preoccuparti nemmeno di essere cieco dalla neve, perché l'illuminazione atmosferica e dinamica che vediamo così spesso nei giochi di questa generazione è presente solo in misura estremamente limitata. Eppure, c'è una sorta di bellezza grezza nelle fatiscenti città di provincia russe e nei grigi capannoni delle fabbriche che devi attraversare. Anche il cielo è grigio e grigio, e la tavolozza di colori limitata che ricorda l'era Xbox 360/PS3 aggiunge davvero atmosfera. Lo stesso vale per la neve, non è il tipo bianco gesso e pulito che conosciamo da altri giochi che ti farebbe quasi fermare in un aeroporto. No, è sporco, pesante e in diversi punti è calpestato in una fanghiglia nera fangosa. Mi piace un sacco.

Non è tutto sporcizia, buio e freddo. Lungo la strada, sperimentiamo una serie di flashback dell'infanzia di Indika che si svolgono come piccoli giochi retrò con una grafica pixel bella e colorata. Sebbene i minigiochi siano, beh, piccoli, spezzano il gioco in modo efficace, e lo stesso si può dire per un segmento in cui si arriva a guidare una sorta di futuristica bicicletta a vapore. La triste presentazione è anche ravvivata da punti pixelati che ti vengono continuamente assegnati durante il tuo viaggio. Puoi spenderli in un albero delle abilità comico che non ha assolutamente alcun effetto sul gameplay del gioco, come avverte lo stesso sviluppatore durante una schermata di caricamento. Tuttavia, rivelerò che i punti, come quasi tutto il resto del gioco, hanno un impatto sulla storia e sui temi del gioco.

Indika

La storia è il più grande punto di forza di Indica. Il gioco dura "solo" tre o quattro ore, ma si ha comunque la sensazione di aver fatto un lungo viaggio: si arriva a sperimentare così tanto in quel breve tempo. Inizialmente, è quasi come una commedia nera in cui si incontrano soldati inetti, comandanti ubriachi e molti altri personaggi pittoreschi. Ti imbatti anche nella detenuta evasa Ilya, che finisce per accompagnarti nel tuo viaggio. L'altro tuo compagno di viaggio sono i tuoi pensieri dubbiosi, che si manifestano nella testa di Ilya come il diavolo in persona. Man mano che ci si avvicina alla destinazione, tuttavia, è come se ci si rimpicciolisse gradualmente e ci si trovasse improvvisamente di fronte a bestie mostruose e scatole di caviale delle dimensioni di fusti di petrolio. L'atmosfera è ora un diverso tipo di desolazione, e devi farti strada attraverso fabbriche tristi e travolgenti che ricordano Inside e Limbo.

Tutto si conclude in modo suggestivo, ma è il viaggio e non la destinazione che conta. Come accennato, nei tuoi pensieri ci sono sia il galeotto Ilya che il diavolo, e sia il dialogo interiore che quello esteriore sono a dir poco eccellenti. Sebbene gli argomenti siano pesanti e filosofici, il dialogo scorre naturalmente e c'è molto umorismo lungo il percorso. Allo stesso tempo, è sorprendentemente eccitante seguire la discussione teologica, poiché il dogma religioso è costantemente messo in discussione da contro-argomentazioni prese fuori dalla pura logica o dalla sporca realtà della triste comunità agricola russa. Chissà se gli autori hanno letto il loro Dostoevskij? Puoi sentire tutto in un inglese accettabile, ma fatevi un favore e accendete invece le voci russe. Non ho capito una parola, ma la mia impressione è che il doppiaggio qui sia di qualità superiore, in quanto l'intonazione è più adatta a ciò che sta accadendo.

IndikaIndika

Come accennato, Indika è un po' grezzo. Tecnicamente, il gioco è in ritardo e su PS5 la telecamera è spesso un po' pesante e il gioco vacilla decisamente nella fede quando si tratta di attenersi a 60 fps. Sì, per andare al sodo, le prestazioni tecniche non sono abbastanza buone. Tuttavia, tutto questo può essere perdonato, perché con mezzi abbastanza semplici Odd Meter riesce a costruire un'esperienza di gioco senza soluzione di continuità che intrattiene lungo il percorso e ti lascia con spunti di riflessione.

08 Gamereactor Italia
8 / 10
+
Dialoghi e storia di prim'ordine. Puzzle semplici ma ben progettati. Design visivo atmosferico.
-
Diversi aspetti appaiono un po' grezzi. Tossisce e sbuffa sulla console.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

0
Indika Score

Indika

RECENSIONE. Scritto da Jakob Hansen

Un viaggio divino con il diavolo come compagno.



Caricamento del prossimo contenuto