Metroid Dread - Un primo sguardo Preview - Gamereactor
Italiano
Gamereactor
preview
Metroid Dread

Metroid Dread - Un primo sguardo

Il primo Metroid in 2D dopo 19 anni uscirà questo autunno. Ma Samus ha ancora un aspetto favoloso dietro la sua armatura scintillante?

Tra tutti gli annunci fatti al Nintendo Direct, Metroid Dread è sembrato quello più interessante. Il Metroid originale del 1986 è uno dei giochi più importanti di sempre, avendo gettato le basi per il genere Metroidvania e ora che è stato annunciato un nuovo gioco, più di 19 anni dopo l'uscita di Metroid Fusion per Game Boy Advance, è una gradita sorpresa. Lo sviluppatore vuole modernizzare la serie con un gameplay aggiornato e l'aggiunta di alcuni nuovi elementi horror. Ma 19 anni sono quasi un'eternità in un'industria in rapida evoluzione come quella dei videogiochi, e dopo aver scoperto qualcosa di più durante una tavola rotonda con il game producer Yoshio Sakomoto, ho i miei dubbi sul fatto che Samus stia reggendo sotto la sua armatura scintillante.

Metroid Dread è sviluppato da Nintendo EPD, sotto la direzione del produttore Sakamoto Yoshio, e in collaborazione con MercurySteam. Lo sviluppatore spagnolo è stato ampiamente elogiato per Metroid: Samus Returns, uscito su Nintendo 3DS nel 2017, e il successo del gioco ha convinto Sakamoto Yoshio che ora fosse il momento giusto per dare vita a Metroid Dread, un progetto che ha sviluppato negli ultimi 15 anni. "Una volta confermata l'eccellente collaborazione con MercurySteam, ho sentito di aver finalmente trovato il partner ideale per realizzare il mio progetto di lunga data", ha spiegato alla tavola rotonda.

Non c'è dubbio che MercurySteam abbia fatto un buon lavoro con la loro recente release, ma secondo me, hanno fallito in un aspetto. Metroid: Samus Return era un remake isometrico del titolo per Game Bay Metroid II, ma lo sviluppatore non è riuscito a catturare l'atmosfera cupa e opprimente di questo gioco sul 3DS. Questo potrebbe essere il motivo per cui Nintendo ha scelto di guidare la serie in una direzione più cupa con Metroid Dread che, come suggerisce il nome, è un'esperienza più spaventosa.

Metroid Dread

Se hai visto il trailer, sai che il senso di tensione è principalmente dovuto ai robot chiamati E.M.M.I. Quando vieni rilevato da uno dei loro sensori, c'è solo una strategia praticabile: correre! Le pistole normalmente abbastanza capaci di Samus non intaccano neanche un po' l'armatura di queste bestie meccaniche. Per sfuggire all'E.M.M.I. puoi nasconderti in un angolo e cercare di calmare il tuo cuore che batte finché il pericolo non è passato. Se vieni scoperto, hai comunque una via d'uscita, poiché la nuova abilità Mantello fantasma ti garantisce alcuni secondi di invisibilità.

Ma come accennato, la strategia migliore è spesso quella di correre. Gli E.M.M.I. pattugliano solo una sezione limitata e se esci dal confine programmato, sei al sicuro. Relativamente parlando, naturalmente, poiché ci sono ancora molti altri pericoli in agguato, ma questi puoi sconfiggerli con le tue varie armi.

Sembra una decisione intelligente limitare l'E.M.M.I. a determinate aree. Metroid è prima di tutto esplorazione e scoperta, e questi elementi sarebbero in qualche modo diminuiti se fossi costantemente perseguitato da un incubo meccanico. Si spera che questo costante cambiamento tra volo totale ed esplorazione metodica possa creare il giusto cocktail di paura ed eccitazione. Ma ho i miei dubbi.

Metroid DreadMetroid Dread

C'è un motivo se i giochi horror più efficaci sono spesso in prima persona. Le parti veramente spaventose sono spesso ciò che non puoi vedere; il mostro che forse - o forse no - è in agguato proprio dietro l'angolo. Tuttavia, giochi come Inside, Little Nightmares e persino l'originale Metroid II hanno dimostrato che è possibile creare un'atmosfera terribile, anche quando il giocatore è in grado di visualizzare l'intero schermo; richiede solo un personaggio vulnerabile e alcune ombre per giocare brutti scherzi con la tua immaginazione. Eppure, Metroid Dread è ambientato principalmente in aree ben illuminate e Samus è più atletica di una ginnasta sovietica. Per questo ero molto curioso di capire da Yoshio Sakomoto in che modo hanno creato una sensazione di terrore in queste circostanze, e fortunatamente lui (più o meno) ha risposto alla mia domanda.

"Per quanto riguarda il gameplay generale, è particolarmente importante che l'esperienza di gioco di Metroid sia fluida", ha detto il produttore veterano. "Per quanto riguarda le varie funzionalità che lo consentono, è importante non rovinare il movimento di Samus. Quindi, prima abbiamo concepito i vari fattori che consentono un'esperienza di gioco fluida, inclusi i movimenti veloci di Samus. Da lì abbiamo lavorato duramente per trovare il giusto equilibrio per mettere gli utenti al limite e per offrire questo senso di tensione fluida."

A Yoshio Sakomoto è stato anche chiesto se Metroid Dread potesse essere etichettato come il gioco più horror della serie, e ha risposto che preferiva i termini dread o fear - l'esatto termine giapponese ha dato al traduttore alcune difficoltà, e questo probabilmente illustra che è una vera e propria definizione di "terrore" a cui mirano gli sviluppatori. Metroid Dread non dovrebbe quindi essere inteso come un gioco horror. Ma dipende da snuff su altri parametri?

Metroid Dread
Metroid Dread

Ci è stato presentato un nuovo filmato di Samus che scappa dall'E.M.M.I, e questi inseguimenti appaiono molto misti. Ci sono stati alcuni elementi puzzle leggeri come quando Samus ha cercato di riempire una bacinella d'acqua per intrappolare l'E.M.M.I dietro una diga. Ma sembrava ancora un po' troppo caotico per riuscire davvero a creare suspense. Non ci sono dubbi, però, che sarà piuttosto elettrizzante, quando salterai giù dai muri e scivolerai attraverso piccole crepe con la nuova capacità di scorrimento di Samus per evitare il robot veloce all'ultimo secondo.

Graficamente, Metroid Dread sembra piuttosto bello, ma non ti toglie il fiato. Gli sfondi hanno tanti bei dettagli e i mostri disgustosi, che spesso sembrano organi viventi, non sarebbero fuori luogo in un film di David Cronenberg. Ma, fingendo di essere un critico cinematografico di alto livello, non cambia il fatto che le immagini sembrano mancare di un ultimo tocco di rifinimento. Fortunatamente, sembra esserci molta variazione con caverne splendidamente illuminate, corridoi sporchi, spaventose macchine industriali e molto altro. "Nell'ultima iterazione credo che abbiamo la più grande variazione ambientale mai vista, che spero ti piacerà", ci ha detto Yoshio Sakomoto quando gli è stato chiesto di parlare dei vari ambienti.

Come ci dice Yoshio Sakomoto, il movimento di Samus è stato il fulcro dello sviluppo. La piattaforma e gli elementi shooting di Metroid Dread sembrano sia intensi che precisi; sì, potrebbero anche essere all'altezza delle sue ambizioni di "tensione regolare". Quando Samus salta da un muro, spara a un nemico con un proiettile laser tagliente dal suo blaster, e poi, nel secondo successivo - anche prima che lo schermo si sia aggiornato 60 volte - scivola lungo un piccolo spazio, normalmente riservato a serpenti, gatti e altri animali più vicini al suolo, il gioco sembra semplicemente sbalorditivo.

Metroid Dread

Yoshio Sakomoto ci ha detto più volte che questo è il gioco che voleva realizzare negli ultimi 15 anni, ma solo ora la tecnologia corrisponde alle sue ambizioni. Può sembrare un'esagerazione, ma ha senso. Dopotutto, è la prima volta che Nintendo realizza un Metroid 2D su una console con due stick analogici, 60 fps e grafica HD. Tutto sommato, questo dovrebbe essere il Metroid definitivo (senza contare Prime) e una degna conclusione del lungo viaggio di Samus.

Ma sarà anche il Metroidvania definitivo? Come già accennato, 19 anni sono un sacco di tempo nel settore, e dall'uscita di Metroid Fusion, il genere che Metroid ha contribuito a creare è esploso con una pioggia di brillanti titoli indie come SteamWorld Dig 2, Ori e the Blind Forrest e Hollow Knight. Metroid Dread deve essere quasi impeccabile a meno che gli studenti non superino il maestro.

Metroid Dread sembra certamente promettente, ma è anche in una posizione difficile. Da un lato il gioco deve soddisfare i fan della serie originale e fornire una nuova esperienza che corrisponda a quella vecchia. D'altra parte, dovrà incorporare scelte di design moderne per attirare i nuovi giocatori viziati dai tanti grandi titoli che sono usciti nel frattempo. Lo sviluppatore ha anche scelto di includere alcuni elementi horror o tensione che non sembrano proprio corrispondere alla presentazione generale del gioco. Samus ha spesso dimostrato di essere in grado di scappare anche dalla situazione più impossibile, e con i suoi nuovi movimenti e la presentazione efficace può benissimo essere che i miei dubbi vengano dissipati non appena Metroid Dread uscirà in esclusiva su Nintendo Switch l'8 ottobre.

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.