Gamereactor Italia. Guarda i trailer più recenti dedicati ai videogiochi, ma anche le nostre ultime interviste dalle fiere e dalle convention più importanti del mondo. Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
news
Grand Theft Auto VI

Voci: GTA VI sarà più "politicamente corretto"

È rockstar per popstar per l'ex gigante che è sempre stato noto per osare fare quello che vogliono.

HQ

Ai tempi, le rock star erano celebrità nichiliste che insultavano il pubblico, facevano una virtù di non preoccuparsi del mondo che li circondava, distruggevano le camere d'albergo e riempivano i loro corpi di alcol (e peggio!) anche nel mezzo dei concerti. Molto è cambiato, tuttavia, perché sebbene le star della musica di oggi siano probabilmente egocentriche e stufe del mondo come una volta, ora sono attente a mostrare impegno sociale e promuovere uno stile di vita cosiddetto verde e politicamente corretto.

I tempi stanno cambiando, e a quanto pare lo sono anche i "cattivi ragazzi" dell'industria dei giochi, Rockstar Games. In effetti, diversi membri senior dello staff creativo - come il co-fondatore Dan Houser e la personalità radiofonica transnazionale e sceneggiatore Lazlow Jones - hanno lasciato Rockstar, il che a quanto pare ha anche portato a una nuova cultura aziendale presso il venerabile sviluppatore.

Nel suo ultimo rapporto di Bloomberg, il giornalista di giochi Jason Schreier scrive che, dopo le polemiche sui massicci straordinari su Red Dead Redemption 2, Rockstar ha cercato di riformarsi. Ciò include l'eliminazione degli straordinari obbligatori e un approccio più flessibile allo sviluppo. Ma anche il tono del posto di lavoro è cambiato.

Schreier ha parlato con più di 20 dipendenti che ora descrivono lo sviluppatore come "un posto di lavoro più progressista e compassionevole". Uno sviluppatore descrive Rockstar come "un club per ragazzi trasformato in una vera e propria azienda".

Nel rapporto, Schreier descrive anche come Rockstar abbia preso diverse "misure politicamente sensibili" negli ultimi anni, come la rimozione delle battute transgender da Grand Theft Auto V e l'eliminazione di una modalità di gioco con criminali contro poliziotti in GTA Online dopo l'omicidio di George Floyd nel 2020. Tutto ciò influenzerà anche il tono del prossimo Grand Theft Auto VI, se le fonti di Schreier devono essere credute.

Nella serie GTA, come tutti sappiamo, l'umorismo e la satira sorniona volavano come pugni. Ma in futuro, gli sviluppatori eviteranno di scherzare sui dati demografici più vulnerabili, e la nuova Rockstar è attenta a "non 'abbattere' scherzando sui gruppi emarginati", dice l'articolo. Forse è anche per questo che ora stiamo ottenendo una protagonista femminile.

Probabilmente non scopriremo come tutto questo influenzerà il risultato finale fino al 2024 o al 2025, poiché Grand Theft Auto VI è ancora lontano dal lancio, secondo le fonti di Bloomberg.

Grand Theft Auto VI

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto