Italiano
Gamereactor
articoli

Opinione dell'editore: la strategia di Xbox è difficile da capire in questo momento

Dalla calibrazione dei criteri di successo per i singoli titoli Xbox, alla distribuzione tramite Game Pass e multipiattaforma, Magnus è confuso e frustrato.

HQ

Estate 2018, Xbox E3 Briefing, Halo Infinite. È stata una presentazione fiduciosa, con Phil Spencer che è salito sul palco per rivelare che cinque nuovi studi si stavano unendo alla lineup Xbox. The Initiative, Undead Labs, Ninja Theory, Playground Games e Compulsion Games. "Queste cinque nuove squadre avranno le risorse per correre rischi maggiori per voi", ha detto. Ahi, oggi fa male.

Quello stesso autunno, durante XO18, Microsoft ne acquistò altri, e presto divenne chiaro che questi studi avrebbero fatto parte di una rinnovata attenzione ai giochi first-party per Microsoft, che Xbox sarebbe stata leader nelle principali piattaforme di punta che hanno dato così tanto al nostro settore e ai consumatori.

Ero a bordo allora, lo ero davvero, ho comprato quello che Phil Spencer stava vendendo. Innanzitutto, si erano concentrati su singoli studi che fino a quel momento avevano avuto l'abitudine di proporre idee agli editori, che poi si sono concretizzate o non si sono concretizzate. Questa può essere una realtà rischiosa di per sé, soprattutto per gli studi con molti dipendenti, quindi all'epoca poteva facilmente sembrare che Microsoft stesse dando a studi come Ninja Theory, Obsidian, Compulsion e molti altri una base finanziariamente solida che permetteva loro di concentrarsi abbastanza direttamente sulla produzione creativa. A proposito, è così che ce l'ha presentato. No, Microsoft non ha "salvato" questi studi, niente del genere, ma l'unico aspetto positivo degli acquisti di studi dai giganti delle piattaforme è che essere uno studio first-party può spesso essere un'esistenza più sicura. O almeno così si faceva una volta.

Annuncio pubblicitario:

La strategia è rimasta la stessa per molti anni dopo il fatidico 2018. Non solo Xbox ha ampliato la propria lineup di studi, ma ha anche acquistato Bethesda, il tutto con l'obiettivo di rendere Game Pass la prossima grande novità. Anche lì, ero a bordo. I giochi sono costosi, non solo da realizzare, ma anche da acquistare, e mentre gli abbonamenti possono sfuggire di mano, era difficile contestare il fatto che all'epoca ci volevano dai quattro ai sei mesi di utilizzo per compensare il fatto di aver giocato a un solo gioco a un nuovo prezzo. All'epoca ci sembrava un buon affare, e in linea di principio lo è ancora.

I piccoli studi ottengono le risorse e la sicurezza di rientrare sotto l'ombrello di Xbox, e il modello Game Pass è stato presentato all'epoca come un modello di distribuzione che ha permesso direttamente a questi studi di assumersi più rischi creativi, e sarebbe stato anche più economico per noi giocarci? Cosa c'è che non va?

Bene, eccoci qui, e Microsoft non solo ha licenziato migliaia di dipendenti in vari studi Xbox, ma ora ha chiuso Tango Gameworks e Arkane Austin, l'ultimo gioco del primo, Hi-Fi Rush, è stato descritto come un perfetto gioco Game Pass da Microsoft stessa. Allora, cosa è successo lì?

Opinione dell'editore: la strategia di Xbox è difficile da capire in questo momento
Annuncio pubblicitario:

Forse vale la pena sottolineare che la forza trainante di questo modello è stata Game Pass, e sebbene Microsoft abbia recentemente riportato 34 milioni di abbonati attivi e il loro successo sia stato quasi copiato direttamente da Sony tramite PlayStation Plus Extra, gli abbonamenti non sono cresciuti come Microsoft aveva sperato. Tutte le analisi indicano una crescita lenta, o quasi inesistente, e sembra che ora ci siano dubbi sul fatto che questa scommessa possa davvero dare i suoi frutti. Secondo Tom Warren di The Verge, tra gli altri, non sono nemmeno sicuri se Call of Duty dovrebbe chiamare Game Pass casa, che è stato uno dei motivi principali per cui hanno pagato $ 69 miliardi per Activision Blizzard. Il punto è che se Game Pass avesse continuato a sperimentare una crescita esplosiva, probabilmente non sarebbe qui oggi, ma non è così. La crescita è stagnante. E se c'è una cosa che la realtà capitalista non può tollerare, è la crescita stagnante, anche se il livello a cui la crescita è stagnante è piuttosto alto.

Analisti ed esperti del settore hanno indicato Game Pass come un po' un paradosso in questa realtà leggermente diversa. Perché se Game Pass non sta crescendo abbastanza velocemente, mentre mangia una parte significativa del potenziale di profitto di ogni gioco first-party facendo parte dell'abbonamento fin dall'inizio, dove lascia questi studi? Come sono calibrati i criteri di successo di Senua's Saga: Hellblade II se non attrae molti nuovi abbonati né vende molto perché è possibile accedervi tramite lo stesso abbonamento? Lo stesso vale per Indiana Jones and the Great Circle e Avowed, e se la solida performance di Hi-Fi Rush su Game Pass e la solida accoglienza tra fan e critici non sono state sufficienti a salvare lo studio, chi può sentirsi al sicuro?

Poi c'è Activision Blizzard. Sì, gli investitori si aspettano una sorta di ROI ora, e la serie Call of Duty (e potenzialmente un certo numero di Blizzard IP) dovrebbe fornirla. Ma come funziona se la serie Call of Duty si accende Game Pass ? Può garantire la crescita o Microsoft ha appena dato via la sua unica gallina dalle uova d'oro? Non solo, ma sembra che la serie Call of Duty sia stata un fattore cruciale nella suddetta ricalibrazione dei criteri di successo per ogni titolo. In una realtà Xbox pre-Activision Blizzard, Hi-Fi Rush è stato un successo sul servizio, ma in una realtà Xbox post-Activision Blizzard, è una delusione. Non si tratta più di aggiungere ogni gioco a una realtà dinamica in cui gli abbonati sono attratti dall'ampiezza dei titoli first-party sul servizio: si tratta di ogni gioco che è un successo individuale, ma non è così che funziona Game Pass. Come diavolo si può pensare che Hellblade possa fornire risultati soddisfacenti in questo contesto?

In mezzo a tutto questo, ci sono anche i tentativi in continua evoluzione e un po' frustranti di Microsoft di spiegare perché Tango e Arkane Austin dovevano sparire. Matt Booty ha detto a tutti i dipendenti di Bethesda il giorno dopo le chiusure che avevano bisogno di "giochi più piccoli", giochi che potessero portare loro prestigio e premi. Hi-Fi Rush non corrispondeva abbastanza bene a questa descrizione? Pensi che questa risposta puzzi un po' di pesce? Allora provate il tentativo quasi comico del presidente di Xbox Sarah Bond di spiegare cosa sta succedendo in questa intervista con Bloomberg:

Ci sono molte cose che non sappiamo, ci sono molte cose che accadono dietro le quinte che non vediamo o non sentiamo, ed è per questo che un commento del settore come questo inciamperà sempre un po'. Ma anche con questo in mente, la strategia centrale che ha contribuito a giustificare questi numerosi acquisti di studi sembra essere completamente crollata, così come la fiducia nella posizione di leadership di Spencer. La strada da seguire è multipiattaforma? Sì, Xbox dovrebbe dimenticare di vendere hardware, ma attualmente sta preparando un'altra generazione di console. Questi studi "si prenderanno rischi maggiori" o realizzeranno titoli commerciali in grado di funzionare da soli, e se sì, come si elaborano questi parametri di successo? Game Pass dovrebbe essere il modello di distribuzione anche se il tasso di crescita è più lento di quanto sperato? Le domande si accumulano e la strategia sembra vaga. È un peccato, perché penso che avessero davvero qualcosa da fare qui.



Caricamento del prossimo contenuto