Italiano
Gamereactor
recensioni film
Oppenheimer

Oppenheimer

Christopher Nolan impressiona con forse il suo film più personale.

HQ

Un giovane ed emotivamente instabile Oppenheimer fissa l'impatto delle gocce di pioggia e le osserva formarsi in una pozzanghera. Il suo mondo non è ancora costituito da conseguenze devastanti; non ha sperimentato la reazione a catena che si verifica quando lui e i migliori scienziati americani creano un'arma definitiva per le generazioni future, non ha sentito il sangue sulle sue mani, non ha ancora costruito la bomba atomica. Ecco perché le goccioline d'acqua non sembrano esplosioni di bombe. Non ancora.

Oppenheimer è la storia dell'omonimo padre della bomba atomica, un illustre fisico che diventa un capo progetto nella corsa per sviluppare armi nucleari prima dei nazisti e le terribili conseguenze che lo perseguitarono per il resto della sua vita. Christopher Nolan ha affilato le dita della sceneggiatura dopo che l'action-adventure Tenet ha lasciato un po' troppo a desiderare e offre forse il suo film più personale di sempre. Oppenheimer è tanto una classica biografia cinematografica quanto una tragedia psicologica, grondante di dilemmi e sensi di colpa, frammentata da profezie sulla fine del mondo e scoppiettanti scene di fissione. Gli atomi divisi lampeggiano durante diverse scene per mostrare quanto fosse irreversibile la rivoluzione nucleare.

È anche un film pieno di esposizioni e scene appariscenti. Come per molti altri film di Nolan, posso sentire che il film, un gigantesco progetto di tre ore, sembra felicemente montato per correre alla scena successiva. Nolan cerca sempre di fare molto in un periodo di tempo limitato, ma è anche un film molto ben bilanciato con due storie contrastanti: la vita di Oppenheimer nel deserto di Los Alamos e un finto processo maccartista ambientato in un piccolo ufficio soffocante, dove viene accusato di essere un simpatizzante comunista. In tipico stile Nolan, il regista presenta un puzzle che permette allo spettatore di mettersi nei panni di Oppenheimer e chiedersi: tutto questo poteva essere evitato?

Oppenheimer
Annuncio pubblicitario:

Cillian Murphy dà la performance della sua vita come l'uomo stranamente contraddittorio costretto a portare il peso inimmaginabile della bomba sulle sue spalle, dove non ha davvero bisogno di dire molto perché il pubblico capisca il suo dolore. Attraverso i suoi occhi di ghiaccio, puoi quasi vedere il buco nero che si è aperto dentro di lui, inghiottendo tutta la luce intorno a lui e continuando a drenarlo fino all'ultimo fotogramma. È davvero tempo che il Academy riconosca la vera genialità di Murphy. Robert Downey Jr., che avrebbe potuto ritirarsi molto tempo fa grazie all'universo di Marvel, interpreta anche l'ambizioso politico Lewis Strauss, un amico di Oppenheimer che diventa una sorta di contrappunto durante le scene degli interrogatori in bianco e nero.

Oltre a questi pesi massimi, vediamo anche grandi talenti come Emily Blunt, Florence Pugh, Matt Damon, Rami Malek, Josh Hartnett, Casey Affleck, Gary Oldman e molte altre star, con Blunt e Pugh in particolare che danno al film un punto dolente credibile e umano accanto alle secche lezioni di fisica quantistica. Tuttavia, è lo scozzese Tom Conti che fornisce il cuore del film come Einstein. Il genio ha un ruolo molto piccolo ma centrale che mi sarebbe piaciuto vedere ampliato di più e diventare un po 'eccezionale grazie al calore che l'attore emana.

Il percorso verso il test della bomba Manhattan Project è tecnicamente spettacolare, con Nolan impegnato con tutto il cuore a rendere gli inizi della bomba atomica il più pratici possibile, e visivamente il film offre molte sorprese. È un film incredibilmente bello sotto ogni punto di vista. Tuttavia, sono le bombe emotive sganciate dopo il successo di Oppenheimer che sono le più toccanti. Nolan è noto per il suo stile cinematografico roboante, ma qui dimostra anche di essere un maestro del silenzio in alcune scene assordanti e silenziose. Le bombe durante le scene degli interrogatori sono estremamente efficaci, con la vita di Oppenheimer che si dipana come se stesse assistendo alla sua autopsia, e all'interno di questi ambienti sterili ci sono anche alcune immagini intelligenti che mostrano l'istinto di Nolan come regista.

Oppenheimer
Annuncio pubblicitario:

Nolan gioca spesso con il tempo e lo spazio nei suoi film, con Oppenheimer che tenta di ricreare la psiche dubbiosa del personaggio del titolo. È nervoso e a volte troppo esplicativo, ma come spettatore sei a tuo agio con la regia di Nolan, e come spettatore non ti annoi mai. Non sono un grande fan del compositore, Ludwig Göransson, ma merita anche una pacca sulla spalla qui poiché i suoi toni minacciosi e ticchettanti si integrano bene con il resto della colonna sonora e si insinuano sotto la pelle una volta che si presta attenzione, come se il film stesso fosse musicalmente radioattivo. Hans Zimmer una volta ha completato le lunghezze d'onda narrative del folle regista, ma Nolan ha trovato qui un sostituto sicuro.

È un pacchetto potente, questo. È molto da accettare, specialmente quando i personaggi parlano di cose che non sempre vedi di fronte a te. Ma per essere così loquace, è anche pungente proprio perché Nolan padroneggia i temi e ciò che fa battere il protagonista annientato. La narrazione in Oppenheimer è tanto magistrale quanto potente. È un inquietante e tempestivo promemoria della natura a doppio taglio della scienza, di quanto l'umanità sia effettivamente vicina a distruggere se stessa e di come il mondo sia cambiato - per sempre. I fan di Nolan non hanno nulla di cui dubitare qui: lo ha fatto di nuovo.

HQ
09 Gamereactor Italia
9 / 10
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto