Italiano
Gamereactor
recensioni
Outcast: A New Beginning

Outcast: A New Beginning

L'avventura ritorna in questo straordinario sequel che è più di un semplice revival del grande gioco cult della fine degli anni '90. Questo ritorno ad Adelpha è una lettera d'amore che completa l'originale e lo espande a tutti i livelli.

HQ

Outcast, il pioniere dei giochi open-world tridimensionali come li conosciamo oggi, ritorna ai giorni nostri sotto forma di sequel: un viaggio a ritroso sul pianeta Adelpha che, nonostante il plauso della critica dell'originale, non sembrava probabile che si sarebbe concretizzato.

Non ho mai nascosto il mio indiscutibile amore per il titolo del 1999, un gioco che mi ha affascinato a suo tempo e, con il suo approccio cinematografico, mi ha aperto definitivamente le porte del mondo dei videogiochi, mettendolo alla pari con un'altra delle mie grandi passioni: la settima arte.
Dopo aver scritto le mie impressioni sulla demo, nel corso degli ultimi giorni ho avuto modo di giocare, in anteprima, alla versione completa di Outcast: A New Beginning per PS5, terminando completamente la storia, completando tutte le missioni secondarie e parte dei compiti meno notevoli dell'open world in circa 30 ore. Probabilmente potete immaginare il mix di eccitazione e trepidazione che ho provato quando ho lanciato il gioco per la prima volta per viaggiare ad Adelpha e scoprire come continua una storia iniziata un quarto di secolo fa.

Outcast: A New Beginning

Alla fine di Outcast, Cutter Slade ha salutato Adelpha per tornare sulla Terra, anche se non abbiamo mai assistito al suo arrivo sul pianeta o saputo cosa fosse successo lì durante la sua assenza. All'inizio di Outcast: A New Beginning, Cutter Slade viene resuscitato dai potenti Yod, divinità di Adelpha, per salvare i suoi abitanti, i Talan, da una forza d'invasione altamente tecnologica: la WFA. Un amnesico Slade scopre che ancora una volta il destino di Adelpha è legato a quello della Terra e, man mano che la storia procede, inizia a ricordare... fornendo ai giocatori informazioni vitali precedentemente sconosciute sul suo passato. Si tratta di una strategia narrativa che, pur essendo pienamente rispettosa del gioco originale, ci permette di riscrivere ed espandere ciò che pensavamo di sapere, introducendo gentilmente i nuovi giocatori (che non hanno familiarità, forse, con l'originale Outcast ) all'immensa lore della saga.

Annuncio pubblicitario:

Così, troviamo riferimenti diretti a diversi personaggi importanti dell'originale, come Zokrim (leader del Dolotai Guardians ), suo figlio Jan o Kroax (generale delle truppe di Fae Rhan) mentre altri, che non menzionerò per evitare spoiler, tornano direttamente in anima e corpo per questo sequel. Così, i collegamenti con il titolo precedente (e, ovviamente, il suo remake Outcast: Second Contact ) sono ben presenti in tutto il gioco, come c'è da aspettarsi in un vero sequel, ma non sono alienanti per i nuovi giocatori. Anche l'umorismo è fortunatamente coerente con il gioco precedente, molto anni '80 e '90, con molteplici riferimenti a film (Back to the Future, Braveheart, Jaws...) che sono riusciti a farmi sorridere ad ogni angolo.

Outcast: A New BeginningOutcast: A New Beginning
Outcast: A New BeginningOutcast: A New Beginning

Considerando le attuali tendenze della stampa videoludica, molti probabilmente etichetteranno Outcast: A New Beginning come un titolo AA, essendo stato creato da uno studio relativamente piccolo, Appeal. Nonostante ciò, si tratta di un titolo di grandi dimensioni con un innegabile estro artistico, che cattura l'attenzione e l'orecchio come pochi altri.

Annuncio pubblicitario:

La colonna sonora originale di Lennie Moore presenta un'enorme quantità di nuove composizioni, riportandone altre del gioco originale, riscuotendo lo stesso livello di attenzione del 1999 e affermandolo, a mio parere, come una delle figure di spicco del settore. C'è un tema per ogni momento e circostanza, che accompagna ed eleva perfettamente la narrazione e la grafica del gioco.

Degno di nota è anche il lavoro del team di art design: Adelpha, la vera protagonista del gioco con il permesso di Cutter Slade, rimane un luogo mozzafiato, un'ecosfera con ecosistemi, ambienti, fauna e flora organicamente associati a territori distinti. Questo si traduce in una tavolozza visiva che oscilla da una sorprendente vivacità cromatica, ispirata in parte al cinema e ai fumetti degli anni '80 e '90, ai colori tenui di una giornata nuvolosa e piovosa. L'emisfero australe di Adelpha è bellissimo e ricco di angoli che sembrano usciti da una cartolina. Durante il gioco, mi sono sorpreso scattando screenshot ogni pochi minuti, accumulandone circa 400 alla fine del mio viaggio.

Outcast: A New BeginningOutcast: A New Beginning

L'impegno profuso nella costruzione del mondo è eccezionale e piuttosto notevole per un piccolo studio. Come il gioco originale, Outcast: A New Beginning presenta missioni non lineari, ma le porta un passo avanti, con un utile registro delle missioni che ci mostra, graficamente e schematicamente, come sono collegate tra loro, quali obiettivi dobbiamo completare, dove e a che punto del processo ci troviamo, il tutto per non sentirci mai persi. Le missioni principali e secondarie sono strettamente intrecciate in questo titolo, in modo che la maggior parte delle missioni secondarie siano essenziali per avanzare nella storia. Il più grande risultato di questo design è che la narrazione è intrecciata in un modo organico che sembra molto naturale.

I principali snodi attorno ai quali si articolano queste missioni sono i villaggi (Emea, Bidaa, Sappa, Palana, Prokriana, Desan e Kizaar), il che ha perfettamente senso in quanto dobbiamo aiutare i loro abitanti, che sono sotto il giogo oppressivo della forza d'invasione. Questi villaggi sono collegati da daoka (portali simili a Stargate) ma, a differenza del gioco originale, qui possiamo percorrere la vasta distanza che li separa a piedi o in planata, scoprendo molti elementi interessanti lungo il percorso.

Outcast: A New BeginningOutcast: A New Beginning

Il livello di attenzione prestato alla lore è travolgente e sicuramente uno degli aspetti che mi ha colpito rispetto a giochi AAA famosi simili con budget più elevati (sono anche un fan dichiarato di molti di essi) che, tuttavia, non eccellono in questo settore al livello di Outcast: A New Beginning. Un esempio di questo è il linguaggio Talan, Agazork, che mostra una profondità e un'attenzione ai dettagli che si addicono a un blockbuster di Hollywood.

L'emisfero australe di Adelpha è un mondo enorme che sembra vivo, pieno di angoli interessanti, senza spazi vuoti e un terreno che si traduce in verticalità e incoraggia l'esplorazione. Durante il mio playthrough, ho sempre voluto accertarmi di cosa ci fosse dietro quella collina e dall'altra parte di quello specchio d'acqua, ottenendo quel gratificante senso di scoperta che amo nei miei giochi open-world preferiti.

È proprio la dimensione del mondo che mi porta a parlare di un'altra notevole meccanica di gioco che ho già menzionato nelle mie impressioni sulla demo: il modo in cui attraversiamo gli ambienti utilizzando il jetpack del protagonista, trasformando un processo che potrebbe essere noioso in una caratteristica divertente una volta padroneggiato il suo funzionamento e, soprattutto, una volta sbloccato il suo pieno potenziale per mezzo dei 14 potenziamenti disponibili.

Outcast: A New BeginningOutcast: A New Beginning

Il combattimento è dinamico e include lo sblocco di 18 abilità. Oltre a uno scudo energetico che può essere utilizzato anche per l'attacco, ci sono due armi che possono essere personalizzate a nostro piacimento con 32 diversi moduli sparsi per il mondo di gioco. Nella pistola possiamo combinare 4 moduli e nel fucile, 6; In questo modo, la sensazione fornita dalle armi è totalmente diversa a seconda delle scelte di design che facciamo. Questo è sicuramente un enorme miglioramento rispetto al sistema d'arma dell'originale Outcast.

Inoltre, saremo in grado di sbloccare 8 abilità speciali molto potenti man mano che avanziamo nella storia principale. Uno di questi porta il gioco su una nuova scala e, sebbene possa essere estrapolato dal filmato mostrato da THQ Nordic finora, non ne parlerò qui per evitare spoiler.
Outcast: A New Beginning utilizza il motore grafico Unreal Engine 4 collaudato nel settore e altamente competitivo. A nostra disposizione troviamo due modalità grafiche: qualità (secondo le informazioni fornite dallo studio, bloccata a 30 fps) e performance (con frame rate sbloccato), come di consueto nei titoli attuali. E' importante differenziare l'aspetto artistico, di cui ho già parlato, dall'aspetto grafico: mi riferisco qui a qualcosa di puramente tecnologico e, come ho già indicato nelle mie impressioni sulla demo, la grafica di Outcast: A New Beginning non impatta allo stesso livello di quella dell'originale, che all'epoca era rivoluzionaria.

Outcast: A New BeginningOutcast: A New Beginning

Durante la mia avventura in Adelpha ho riscontrato diversi bug, molti dei quali relativamente minori (problemi di clipping isolati con alcuni nemici e scenari, nonché elementi interattivi fluttuanti che dovrebbero essere a livello del suolo); Ho anche sofferto di alcuni problemi di prestazioni molto puntuali in cui il frame rate è sceso a livelli che impedivano un gameplay corretto. Questo accadeva dopo sessioni di gioco molto lunghe e il riavvio della console di solito risolveva o minimizzava il problema. Quattro giorni fa ho ricevuto una patch di aggiornamento che ha migliorato notevolmente le prestazioni e si prevede che nei prossimi giorni il gioco verrà nuovamente aggiornato. Non ho mai riscontrato bug che mi abbiano impedito di finire una missione o che mi abbiano fatto espellere dal gioco.

Con una storia interessante, ben raccontata e rispettosa dell'originale, seppur con un tratto finale affrettato e alcune questioni in sospeso che ci fanno pensare a una possibile espansione o sequel, Outcast: A New Beginning è un rara avis, un gioco speciale realizzato con amore da un piccolo studio che venera l'opera originale ed è un degno successore che a volte sorprende per la portata delle sue aspirazioni. È un piacere essere tornato ad Adelpha.

Outcast: A New BeginningOutcast: A New Beginning
09 Gamereactor Italia
9 / 10
+
Un mondo bellissimo e una grande storia. Ottima colonna sonora. Narrazione complessa ma facile da seguire.
-
Il finale non è così rotondo come il resto dell'avventura. Un po' di rugosità tecnica.
overall score
Questo è il voto del nostro network. E il tuo qual è? Il voto del network è la media dei voti di tutti i Paesi

Testi correlati

0
Outcast: A New Beginning Score

Outcast: A New Beginning

RECENSIONE. Scritto da Gabriel Meizoso

L'avventura ritorna in questo straordinario sequel che è più di un semplice revival del grande gioco cult della fine degli anni '90. Questo ritorno ad Adelpha è una lettera d'amore che completa l'originale e lo espande a tutti i livelli.



Caricamento del prossimo contenuto