Italiano
Gamereactor
news
Beau is Afraid

Patti LuPone parla di unirsi a Beau is Afraid di Ari Aster

Come è passata da "Chi è Ari Aster?" a "Voglio finire la mia carriera nel cinema".

HQ

Patti LuPone, che interpreta la madre di Beau (Joaquin Phoenix), Mona, nel prossimo film di Ari Aster (Hereditary, Midsommar) Beau is Afraid, ha parlato dell'impatto che il film ha avuto sulla sua traiettoria di carriera e di come si è avvicinata al ruolo.

Nel corso del progetto LuPone, che ha chiesto a suo figlio "Chi è Ari Aster?" quando è stata contattata per il ruolo, ha parlato di come ha stretto legami con i suoi nuovi colleghi, nonostante una certa confusione iniziale.

Parlando con The Hollywood Reporter, LuPone ha raccontato: "Ho detto 'Ari, perché io?' Ha detto che era amico di Clara Mamet, la figlia di David Mamet, ed è venuto a vedere lo spettacolo di David, The Anarchist, a Broadway, che ho fatto con Debra Winger per due settimane.

"È stato sviscerato dalla critica, e abbiamo avuto un produttore molto stupido che lo ha chiuso, non il produttore principale, ma quello con i soldi. E [Aster] ha detto di aver parlato per una settimana di come ho gestito la lingua. Sai, mi sono fatto le ossa su Mamet.

"Ho iniziato a lavorare con David nel 1976. In seguito scrissi a David e dissi: 'Grazie, David. Mi hai dato questa parte". Mi consideravo incredibilmente fortunato perché questo è il miglior ruolo che abbia mai avuto davanti alla telecamera. La lingua, lavorando con Joaquin, ed essendo diretto da Ari. È un ruolo straordinario".

Nei primi giorni del suo casting nel film, LuPone ha discusso del personaggio di Mona e della sua relazione con Beau con Aster.

LuPone ha ricordato: "Ero in un hotel a Montreal, e abbiamo pranzato, e lui ha parlato del film, e ha parlato della relazione di Mona e Mona con Beau. Alla fine gli ho detto: 'Ti fa male il cervello?' Disse: 'Sempre'. "

L'attrice ha anche preso le misure nelle sue mani quando ha stretto una relazione con Joaquin Phoenix sul progetto.

LuPone ha spiegato: "Beh, eravamo in questo hotel a Montreal. C'erano tre stanze che avevano terrazze che si affacciavano su questo lago. Io ero in uno, Joaquin era in quello alla fine e Ari era nel mezzo. Avevo portato una caffettiera della French Press, e la mattina preparavo il caffè, uscivo con la mia piccola camicia da notte e andavo, chi vuole il caffè?"

LuPone, tre volte vincitore di Tony Award, sembra essere fissato sui ruoli sullo schermo da quando ha lavorato su Beau is Afraid.

Alla domanda sul ritorno a Broadway, ha detto: "Non credo. Mi è stato offerto qualcosa e c'è qualcosa che mi interessa fare, ma ho detto al produttore: 'Non farlo a Broadway. Voglio lavorare sulla East Fourth Street. Non voglio più lavorare a Broadway".

"Broadway si sta trasformando in una combinazione di Disney, Las Vegas e il circo. I giochi si stanno chiudendo. L'educazione di un pubblico è in grave pericolo. E allora qual è il punto?

"Inoltre Times Square è un incubo. È come il minimo comune denominatore dell'umanità che bazzica Times Square. Non vanno a teatro. Rendono difficile per le persone che stanno cercando di arrivare a teatro. E poi quando vai a teatro, è troppo costoso ed è compromesso.

"Quindi non farò mai più otto spettacoli a settimana, mai. È appena finita. Voglio dire, ho avuto quella carta [Actors Equity] per 50 anni, dal 1973 al 2023. E questo basta. Non voglio essere sul palco. Voglio chiudere la mia carriera al cinema".

Beau is Afraid

Testi correlati

0
Beau is Afraid

Beau is Afraid

RECENSIONE FILM. Scritto da Elliot Torres

La follia regna sovrana nell'esilarante thriller di Ari Aster.



Caricamento del prossimo contenuto