Gamereactor Italia. Guarda i trailer più recenti dedicati ai videogiochi, ma anche le nostre ultime interviste dalle fiere e dalle convention più importanti del mondo. Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
news

PlayStation sta già testando il suo ingresso nel mercato dei giochi NFT

Un brevetto Sony rivela lo sviluppo di un sistema di tracciamento delle risorse digitali basato su blockchain.

HQ

Era solo una questione di tempo prima che le grandi aziende iniziassero a esplorare le possibilità del mercato dei token non fungibili (o NFT) al fine di implementarle nel loro modello di business. Aziende come Sega e Square Enix hanno già mosso i primi passi nei videogiochi (a parte gli studi e le aziende dedicate esclusivamente a loro), e ora abbiamo appreso che anche PlayStation ci sta lavorando.

Secondo un brevetto depositato a nome di Sony, la società sta cercando modi per creare, modificare e trasferire token creati all'interno di un gioco o prodotti in base al sistema del gioco tramite una blockchain. Ecco l'abstract del brevetto, che delinea come funziona il brevetto:

"Un sistema e un metodo per tracciare le risorse digitali associate ai videogiochi. Le risorse digitali possono essere risorse digitali all'interno del gioco, come oggetti o personaggi di gioco. Le risorse digitali possono essere risorse multimediali digitali di videogiochi che rappresentano momenti di gioco di un videogioco, come clip video o immagini. La risorsa digitale viene creata e un libro mastro distribuito che tiene traccia di una cronologia della risorsa digitale viene creato e archiviato su tutti i dispositivi. Un token univoco per la risorsa digitale può includere un identificatore univoco e metadati che identificano le proprietà della risorsa digitale. Le modifiche alle proprietà della risorsa digitale, ad esempio la proprietà, l'aspetto visivo o i metadati, possono essere identificate in una richiesta di aggiornamento della cronologia. È possibile generare e aggiungere un nuovo blocco al libro mastro distribuito che identifica le modifiche alla cronologia della risorsa digitale. Il nuovo blocco può includere hash di blocchi precedenti.

Cosa ne pensi di un'azienda come Sony che entra in questo modello e pensi che estenderanno il suo utilizzo ai loro principali titoli esclusivi?

PlayStation sta già testando il suo ingresso nel mercato dei giochi NFT


Caricamento del prossimo contenuto