Italiano
preview
Star Wars: Squadrons

Star Wars: Squadrons - Provato

Abbiamo finalmente provato il nuovo attesissimo gioco a squadre di Star Wars.

Stai guardando

Preview 10s
Next 10s
Pubblicità

Ambientato attorno alla conclusione della Guerra Civile Galattica, Star Wars: Squadrons ti catapulta nella galassia lontana, lontana e ti mette a bordo di un iconico starfighter dal franchise di fantascienza più leggendario. EA Motive ha ricevuto le chiavi della cabina di pilotaggio in quanto la continua alleanza tra la casa editrice EA e la Disney e Lucasfilm ha dato vita a un'altra avventura digitale tra le stelle. Questa volta, tuttavia, è uno sparatutto spaziale, pieno di X-Wings e Tie Fighters, con combattimenti a cinque Vs cinque e una storia che si dipana su entrambi i lati della divisione imperiale. Questa settimana ho visto Squadrons durante un evento hands-on e ora è il momento di rispondere alla domanda che so che tutti voi vi state ponendo: è questo il droide che state cercando?

Se come me, ti sono piaciuti i vecchi sparatutto spaziali Star Wars degli anni '90, le modalità spaziali in Battlefront II o anche le delizie di altri franchise di spicco in cui il combattimento nave-nave è al centro delle cose, quindi: sì, Squadrons è davvero il droide che stai cercando. In realtà, in questo caso, hai già un droide seduto dietro di te, lì a farti compagnia mentre combatti contro robot controllati dall'IA in single-player o contro squadre fino a cinque in multiplayer.

Non mentirò, però, e ti parlerò del legame che ho stretto con la mia unità R2 perché semplicemente non sono andato così lontano nelle cose. Star Wars: Squadrons è un prodotto difficile da decifrare; un'esperienza stratificata con sfumature e profondità che non rivela tutti i suoi segreti al primo appuntamento. Il risultato è una curva di apprendimento ripida e un tetto di abilità elevato, e durante le tre e un po' di ore trascorse con il gioco, il meglio che ho potuto fare è stato imparare le basi, apprendere i controlli più intricati, e quindi iniziano ad esplorare le sottigliezze del combattimento spaziale su una X-Wing.

Star Wars: Squadrons

La cosa principale, e forse la cosa che mi è piaciuta di più di Squadrons, è stato all'interno della nave. La Forza scorre ovviamente forte nei designer dell'interfaccia utente di EA Motive e questo conferisce al gioco un'autenticità che penso sarà la chiave del suo successo. Il combattimento spaziale è un genere relativamente di nicchia all'interno della più ampia varietà di shooter, ma la licenza di Star Wars e l'espressione attenta del linguaggio audiovisivo unico del franchise, conferisce a Squadrons la possibilità di scrollarsi di dosso le catene della specificità e raggiungere un pubblico più ampio di giocatori.

Quindi partiamo dall'inizio e scopriamo esattamente dove si colloca Squadrons nel grande schema delle cose. Con otto classi di navi tra cui scegliere (quattro per lato, ne troverai altre qui), questo si colloca molto di più nella parte arcade dello spettro rispetto a qualcosa come Elite: Dangerous, un gioco con il quale Squadrons condivide alcune caratteristiche comuni. D'altra parte, c'è un po' di più sotto il cofano rispetto al divertente combattimento spaziale di Criterion in Battlefront II, che era molto bello ma non offriva molto in termini di sfumature.

Il cuore dell'esperienza sono i controlli, che ti permetteranno di rotolare, inclinare su e giù, andare veloce, e generalmente svolazzare nei cieli pieni di stelle mentre cerchi potenziali bersagli. Il livello successivo in più prevede il monitoraggio degli scanner interni e il monitoraggio dei vari obiettivi; avere una buona consapevolezza della posizione ti pone a metà dell'opera, dopo tutto. Una volta che hai capito tutto, si tratta di padroneggiare i tuoi sistemi interni, imparare a bilanciare tra armi, motori e scudi. Espandendoti su quel sistema, puoi anche fare all-in in una particolare area, potenziando le tue abilità e specializzando ulteriormente la tua classe.

Star Wars: SquadronsStar Wars: SquadronsStar Wars: SquadronsStar Wars: Squadrons

Non mi dispiace ammettere di non essermi avvicinato a quel livello durante il mio primo hands-on. È stato abbastanza difficile ottenere il controllo dei comandi (all'inizio ho provato a giocare con un mouse + tastiera, ma alla fine sono passato a un controller Xbox perché mi sembrava di avere un controllo migliore sulla mia nave in spazi ristretti), lavorando dove doveva andare e poi fare qualche tiro ogni volta che il combattimento ne seguiva. Alla fine, tuttavia, con il progredire della sessione hands-on, le cose hanno iniziato a sembrare più naturali e sono stato in grado di fare mosse più deliberate: non sempre hanno funzionato, ma è sul pilot, non sull'hardware.

Come tutti gli altri, ho iniziato con il prologo per giocatore singolo. Era il posto perfetto per entrare nel mood e imparare i controlli più elementari. È un buon modo per iniziare a capire ciò che devi sapere e parti come pilota imperiale alla caccia di rifugiati ribelli che fuggono da Alderaan. L'azione parte con una battaglia campale tra la tua squadra e alcuni ribelli, prima che la prospettiva si ribalti e veniamo introdotti ai nostri compagni di squadra della Ribellione, arrivando in battaglia e vivendola dall'altra parte. Se questo è il modo in cui procede la campagna, con missioni contrastanti da entrambe le prospettive con due squadroni per una storia che si adatta perfettamente e si inserisce in eventi canonici, sarò contento. Naturalmente, ci sono i classici limiti narrativi del genere sparatutto spaziale, ma la forza del marchio Star Wars e la nostra comprensione condivisa dell'universo danno a EA Motive una possibilità di combattimento per offrire qualcosa di memorabile.

Dopo aver completato il prologo, ho potuto provare la più casual delle due modalità multiplayer: Dogfight. Questa è una modalità deathmatch 5 vs 5 e mi è piaciuta molto, anche se stavamo giocando con squadre squilibrate che rendevano difficile giudicare in modo appropriato. In quei momenti in cui stavo duellando con altri diari su una chiglia uniforme, mi sono divertito molto. Una volta che la mia squadra fu superata in numero, tuttavia, era troppo facile per la squadra più forte passare su di noi e uccidere semplicemente. Mentre il nostro incontro di combattimento si è svolto intorno a una gigantesca stazione spaziale, una squadra in numero inferiore non può facilmente accovacciarsi in questi tipi di giochi e questo potrebbe rivelarsi un problema se le partite non vengono bilanciate attentamente. I bot di AI per sostituire i giocatori mancanti potrebbero essere d'aiuto, e ciò non sembrerebbe fuori posto data la campagna da solista e il modo in cui i piloti di AI lavorano per supportare il giocatore durante le missioni.

Star Wars: SquadronsStar Wars: Squadrons

Ci sono anche molti piloti controllati dall'IA nella modalità firma Squadron, Fleet Battle. Questa è una modalità a più livelli in cui i giocatori devono combattere su un campo di battaglia esteso, eliminando le navi di supporto prima di passare all'ammiraglia nemica. Abbiamo giocato un paio di partite, vincendone una e perdendone un'altra, ma il ritmo e il flusso erano buoni grazie alla struttura generale della modalità. Se superi te stesso e spingi troppo oltre la tua linea, sei rapidamente isolato ed estremamente vulnerabile. Inoltre, gli obiettivi mutevoli ti tengono sempre sulle spine, con i tuoi combattenti leggeri che si scontrano con avversari umani altrettanto potenti in diverse parti della mappa, con entrambe le parti che giocano a fianco di navi controllate da AI di tutte le dimensioni per rendere le cose più interessanti e mantenere azione dinamica. Se non altro, Fleet Battle mi ha entusiasmato del potenziale per modalità online ancora più multi-stage, perché la configurazione qui ha funzionato bene e ogni battaglia ha avuto la sua mini-narrativa autonoma che potrebbe facilmente estendersi in più scenari, come la scorta convogli o abbattendo basi statiche.

Tuttavia, tutte le modalità e le mappe del mondo non faranno una piccola differenza se il combattimento nave vs nave non è all'altezza, e tutto ciò che ho visto (che non include l'implementazione VR e come che è stato gestito) è che EA Motive sia riuscito a raggiungere i fondamenti. C'è profondità nel gameplay che dovrebbe elevare l'esperienza, e il tema fa miracoli per la sua accessibilità complessiva. Sappiamo tutti che aspetto hanno un Tie-Fighter o un A-Wing, e siamo tutti esperti nella stenografia di Star Wars dopo anni e anni di guardie e ladri pieni di laser.

Per me, gli unici importanti punti interrogativi riguardano l'ampiezza dell'esperienza e il modo in cui le cose si svolgeranno nel corso della vita del gioco, e se lo studio è capace o meno di creare una campagna singleplayer narrativa degna dell'iconico materiale sorgente che ha chiaramente ispirato questo progetto. Il successo in quest'area determinerà probabilmente un maggior appeal di Star Wars: Squadrons, ma finora tutto punta a un'esperienza che, per lo meno, piacerà a chiunque abbia mai voluto saltare su un X-Wing e combattere l'Impero (o, sai, iscriverti al dovere e sradicare quella feccia ribelle - se è così che ti senti, non ti sto giudicando).

Star Wars: SquadronsStar Wars: SquadronsStar Wars: SquadronsStar Wars: Squadrons

Testi correlati

Star Wars: SquadronsScore

Star Wars: Squadrons

RECENSIONE. Scritto da Mike Holmes

È ora di allacciare le cinture e combattere per entrambe le parti nell'ultima avventura ambientata nella Galassia Lontana, Lontana.



Caricamento del prossimo contenuto


Cookie

Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.