Gamereactor Italia. Guarda i trailer più recenti dedicati ai videogiochi, ma anche le nostre ultime interviste dalle fiere e dalle convention più importanti del mondo. Gamereactor utilizza i cookie per garantire agli utenti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Se continui, presumiamo che tu sia soddisfatto della nostra politica sui cookie.

Italiano
Gamereactor
articoli
The Witcher 3: Wild Hunt

The Witcher 3: Wild Hunt: Quattro chiacchiere con José Teixeira

Abbiamo incontrato il Senior Technical Artist di CD Projekt RED per parlarci dello sviluppo videoludico, di Bethesda e del downgrade grafico di The Witcher.

HQ

Sebbene José Teixeira abbia mosso i primi passi nel campo dell'architettura e abbia militato per qualche tempo nel settore pubblicitario, è volato in Polonia nel gennaio 2009, dove si è unito ai People Can Fly, come Special Effect Artist. Ha lavorato a progetti come Bulletstorm e Gears of War: Judgement, tutto questo nel corso di soli quattro anni e mezzo.

Nel 2013 ha avuto la possibilità di unirsi a CD Projekt Red, principalmente per lavorare su The Witcher 3: Wild Hunt e Cyberpunk 2077. Ora, José dice di essere "super felice" del suo stato attuale, e ha deciso di concedere a Gamereactor questa intervista, e ha iniziato spiegando esattamente ciò che un Senior Technical Artist fa a CD Projekt Red.

"Sono responsabile degli effetti visivi dei giochi, cercando di dare la 'vita' ai mondi che gli Enviroment Artists creano. Abbiamo una squadra di artisti eccellenti, in grado di creare mondi incredibilmente dettagliati, ma di solito possono anche essere molto statici. Ed è qui che entro in gioco io, insieme agli altri addetti agli effetti speciali, che aggiungiamo gli effetti che permettono di "dare la vita" e movimento al mondo. Effetti come nubi, pioggia, fiumi, cascate e fumo provenienti da camini, per esempio. Ci occupiamo anche di tutto ciò che riguarda gli incantesimi, gli effetti nei combattimenti, come il sangue, e varie. In questi giochi open world, c'è sempre un sacco di lavoro da fare!"

HQ
Annuncio pubblicitario:

The Witcher 3: Wild Hunt è ben lungi dall'essere un brutto gioco, e se si considerano le dimensioni e la complessità del mondo, è davvero molto impressionante. Alcuni fan, tuttavia, non hanno perdonato a CD Projekt Red l'ovvio downgrade grafico, se confrontiamo il gioco finale con i primi trailer. D'altra parte José Teixeira considera tutto questo argomento ... piuttosto deprimente.

"Sono emerse una marea di discussioni prima che il gioco venisse pubblicato, ma quando finalmente è uscito, abbiamo trovato numerosi utenti sui forum che con i loro commenti hanno lodato la grafica mozzafiato del gioco. Soprattutto ora che abbiamo dato l'accesso a tutte le impostazioni grafiche nella versione PC. Il problema è che non sembra esserci nulla che possiamo dire per accontentare alcune persone, e trovo che questo sia veramente spaventoso. I giochi di oggi sono diventati davvero solo questo? Dopo tanto tempo, investimenti, lavoro e sudore per dare vita ad una storia, a questo mondo e a questi personaggi, siamo stati improvvisamente attaccati e persino minacciati di boicottaggio... solo perché la densità dell'erba non è esattamente allo stesso livello che abbiamo mostrato in un trailer, o perché un filtro o un effetto grafico sono stati rimossi? È spaventoso, e onestamente anche un po' deprimente, soprattutto per chi ha passato ore e ore nel tentativo di creare il miglior gioco possibile".

"Qui a CD Projekt Red, ci preoccupiamo molto della qualità del gioco, e sapevamo che The Witcher 3 sarebbe stato molto complicato dal punto di vista delle meccaniche di gameplay. In realtà, spesso scherziamo e diciamo che i nostri "tester" sono quelli che soffrono maggiormente qui in studio. Un gioco così immenso, basato su un mondo aperto, con una storia non lineare... ci sono così tanti modi di affrontare le varie cose che è impossibile testare tutte le variabili. Si sono presentati alcuni errori ridicoli, problemi che si verificano solo ad una certa ora del giorno, o se Geralt indossa un'armatura specifica. Tutte cose che sono completamente impossibili da prevedere o testare. In ogni caso, è stato fondamentale pubblicare il gioco senza alcun errore tale da impedire al giocatore di completare il gioco, e dal lancio abbiamo pubblicato diversi aggiornamenti, con centinaia, forse migliaia, di correzioni e migliorie".

Nonostante le lamentele relative alla qualità della grafica, e gli ovvi problemi al lancio, The Witcher 3: Wild Hunt è stato elogiato dai giocatori e dalla critica. Un'accoglienza che ci si aspettava da CD Projekt Red... nonostante l'ansia che iniziava a serpeggiare negli uffici non appena si avvicinava il giorno del lancio.

Annuncio pubblicitario:

"Avevamo fiducia nei confronti del gioco, ma in realtà credo che tutti avessimo paura. È difficile da spiegare, perché giochi di questo tipo si sono sempre rivolti ad una nicchia di giocatori. Avevamo fan super accaniti, ma il pubblico generalista non era mai stato interessato più di tanto a The Witcher. In modo assolutamente inaspettato, questo gioco ha iniziato a intercettare l'attenzione da parte di tutti, compresi i giocatori che non sono neanche grandi appassionati di RPG, e con aspettative così alte, c'è anche un maggiore rischio di deludere i giocatori. Il 12 maggio sono uscite le prime recensioni e penso che nessuno abbia realmente lavorato quel giorno. Tutti in studio erano incollati al proprio monitor, premendo ripetutamente F5! Quando le recensioni sono state pubblicate... credo di non aver mai sentito così tante persone contemporaneamente tirare un sospiro di sollievo! È stata una giornata memorabile per noi. Soprattutto, siamo stati contenti di vedere che c'è ancora un pubblico che desidera ardentemente questo tipo di giochi, avventure single-player con storie per adulti e personaggi interessanti".

"Ora siamo super eccitati perché ci avviciniamo al periodo dei premi GOTY. Siamo fiduciosi per ciò che ci riguarda, naturalmente, ma non saremo sorpresi se altri giochi vincessero. È stata un'annata davvero intensa, con giochi fantastici come Bloodborne, Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, Fallout 4 e Batman: Arkham Knight, e tra questi, anche The Witcher. 3: Wild Hunt. Io, per esempio, non riesco a smettere di giocare a Project Cars e ho anche comprato un volante solo per giocare a questo gioco! Anche l'anno prossimo sembra davvero promettente".

Per molte persone The Witcher 3: Wild Hunt è uno dei candidati più forti al GOTY, insieme a Fallout 4 di Bethesda. Sembra che ci sia sempre stato un certo rapporto di rispetto, ammirazione e rivalità tra i due studi, un aspetto che José Teixeira ha confermato.

"Ci sono stati parecchi raffreddori in studio durante la settimana di lancio di Fallout 4... Mi chiedo perché! Bethesda crea giochi assolutamente pazzeschi, non c'è dubbio, e tutto ciò che fanno funge da fonte di ispirazione per tutti noi, anche se ci auguriamo che sia vero anche il contrario. Qui nello studio siamo tutti grandi giocatori, e anche se ognuno ha le sue preferenze, quasi tutti amano i giochi di ruolo. Penso che questa sorta di rivalità tra i due studi sia salutare in fin dei conti, sia per i giocatori sia per gli stessi studi, costringendoci a fare sempre meglio".

La campagna di The Witcher 3: Wild Hunt è piena di momenti memorabili, ma abbiamo chiesto a José Teixeira il difficile compito di sceglierne uno tra i suoi preferiti.

"Io personalmente ho amato i finali multipli del gioco. Credo che i designer siano riusciti a ottenere un interessante mix di finali "buoni", lasciando il giocatore per lo più soddisfatto del risultato della storia. Per quanto riguarda i finali brutti... Peccato per chi ha avuto il finale peggiore. Penso che gli sceneggiatori del gioco siano andati anche un po' troppo oltre! Il finale è semplicemente brutale, e vi lascerà con un vuoto nel cuore, soprattutto dopo tanto tempo che oramai conoscete e avete creato una certa empatia con questi personaggi".

Quanto a noi, abbiamo apprezzato molti momenti memorabili durante le nostre ore trascorse a giocare a The Witcher 3, ma nessuno batte la notte a Kaer Morhen. Il 2016 sarà l'anno dell'estremo saluto a Geralt, con l'arrivo dell'espansione Blood & Wine. Abbiamo chiesto a José Teixeira di darci qualche piccolo dettaglio su cosa succederà.

"Non posso dirvi molto, ma credo che presto verranno condivise ulteriori informazioni su questa espansione. Quello che posso dire è che introdurrà una nuova regione che i giocatori potranno esplorare, con nuovi personaggi e avventure. Credo che da qualche parte in The Witcher 3: Wild Hunt c'è un libro su questa regione, descrivendola come 'un posto una favola' ... e non posso dirvi altro!"<i> [Il libro a cui José si riferisce è a href="http://witcher.gamepedia.com/Toussaint,_a_Duchy_Out_Of_Tales_of_Fantasy_and_Wonder" target="_blank" rel="nofollow">Toussaint, a Duchy Out Of Tales of Fantasy and Wonder</a>]</a>]

HQ

Infine, José Teixeira ha voluto dispensare qualche consiglio per tutti coloro che desiderano intraprendere qualsiasi carriera nel settore.

<i> "Se sognate di lavorare in questo settore, forse in una grande società AAA, fate esperienza e, infine, create il vostro gioco, che è del tutto possibile, e forse più facile di quanto la maggior parte della gente pensa. Ma ci vorranno sacrifici... beh forse non proprio un sacrificio, ma un forte investimento di tempo. Consiglio vivamente ad ognuno di voi di prendersi del tempo per scoprire ciò che vi piace veramente fare. Nel mio caso, ho scoperto che amavo lavorare con gli effetti speciali. Dopo di che, provate ad acquisire esperienza con tutto ciò che è in vostro potere per migliorare in quel settore. Ora è più facile che mai raggiungere questo obiettivo, perché ci sono i motori di gioco disponibili. Fidatevi di me, è del tutto possibile! "

Grazie, José.

The Witcher 3: Wild Hunt

Testi correlati



Caricamento del prossimo contenuto